lunedì 20 marzo 2017

SALITA POGGIO SAN ROMUALDO da ALBACINA

TIPO FONDO : ASFALTO
PARTENZA : ALBACINA
LUNGHEZZA : 8.63 km
DISLIVELLO : 635 m
PENDENZA MEDIA : 7.4%
PENDENZA MAX : 13%

Salita molto frequentata sia dai fabrianesi (dal versante di Albacina meglio conosciuta come " la Porcarella "), sia dai ciclisti della vallesina (dal versante di Serra San Quirico), e su cui ognuno testa la sua condizione nei vari momenti della stagione ciclistica.

Dalla vecchia SS76 nei pressi dello stabilimento Indesit di Borgo Tufico, si volta in direzione Albacina si percorre poco meno di 1km alla pendenza media del 3.4%, che non rientra nel conteggio della salita vera e propria.

Giunti ai piccoli giardini di Albacina iniziano le fatiche: si esce dal paesino percorrendo 500m con pendenza sempre intorno al 9-10% e punte dell'11, quindi dopo qualche curva inizia un lungo tratto quasi rettilineo con pendenze ancora vicine alle due cifre, fino al primo tornante.

In totale saranno 14 tornanti, la pendenza resta sempre sopra al 7% con punte massime del 13% limitate a brevi tratti di circa 200m, i tratti di respiro sono pochi ed anch'essi molto brevi.

In un paio di tornanti si gode di un bel panorama su tutta la valle del Giano fino a Fabriano e sulla vallata di Cerreto d'Esi, l'ombra del bosco non e' molto fitta, infatti e' consigliabile percorrere questa salita nella prima parte della mattinata.

L'ultimo tornante e' facilmente riconoscibile per la presenza di una strada sterrata chiusa da un cancello, questo e' il segno che siamo all'ultimo chilometro dove peraltro le pendenze cominciano finalmente a scemare mantenendosi su valori intorno al 5-7%.

L'ultimo tratto di circa 500m e' in falsopiano e conduce alle casette di villeggiatura di Poggio San Romualdo, dove e' presente un'area di sosta per camper, una fontanella ed i servizi igenici un'po' malconci.

Ampi spazi per picnic e un paio di ristoranti completano l'offerta.

L'asfalto e' in buono stato, anche nella discesa dall'altra parte.

Questa localita' e' frequentata anche in inverno dagli appassionati di sci di fondo e camminate con le ciaspole (neve permettendo).

ULTIMO AGGIORNAMENTO : MAGGIO 2016